Teatrale

LIII-2018

lascio le candele accese

la porta è aperta, puoi tornare

mani piene di fantasmi

la mattina mi sussurra ancora

«lei non c'è più

e non stare fermo lì a guardare

la neve diventare mare

non stare sveglio fino a tardi

lei non c'è più

ormai»

vivo con i sogni in mano

stringo loro, fanno male

mani piene di proiettili

la notte mi sussurra sempre ancora

«lei non c'è più

e non stare fermo lì a guardare

la neve diventare mare

non stare sveglio fino a tardi

lei non c'è più»

ed io non so se piangere

o continuare, continuare a fingere

io non so se piangere

o continuare, continuare a fingere

io non so se piangere

o continuare, continuare a fingere

io non so se piangere

o continuare a fingere

«e non stare fermo lì a guardare

la neve diventare mare

non stare sveglio fino a tardi

lei non c'è più

ormai»

vm_logo_black.png