LA STAZIONE DI MILANO

xl-2017

sento ancora il vento freddo sulle guance

ancora mai rubato e rapinato da quella tua voce lieve

ancora un sobbalzo, fai fatica a camminare

lo ricordo come fosse ieri

me lo ricordo come fosse ieri

indossavi quel cappotto nero con quel pelo sulle spalle

lo stringevo per scaldarti sempre

lo stringevo per scaldarti sempre

lasciami sentire la tua pelle su di me

lascia che ti dica «è colpa mia»

lasciami sentire la tua pelle su di me

lascia che ti dica «è colpa mia»

lascia che ti dica «è colpa mia»

lascia che ti dica

e io vedo la nebbia, la faccio mia

la neve che cade ma non si vede

lasciati cadere ma non ti svegliare

e io vedo la nebbia, la faccio mia

la neve che cade ma non si vede

lasciati cadere ma non ti svegliare

lasciami sentire la tua pelle su di me

lascia che ti dica «è colpa mia»

lasciami sentire la tua pelle su di me

lascia che ti dica «è colpa mia»

lascia che ti dica «è colpa mia»

lascia che ti dica

E io sono fermo alla stazione

lei mi parla di quando eri piccola

E io sono fermo alla stazione

lei mi parla di quando eri piccola

E io sono fermo alla stazione

lei mi parla di quando eri piccola

E io sono fermo alla stazione

lei mi parla di quando eri piccola

ed è colpa mia

è colpa mia

è colpa mia

lasciami sentire la tua pelle su di me

lascia che ti dica «è colpa mia»

vm_logo_black.png